assoluzione definitiva, si chiude una vicenda giudiziaria da record

0

A nove anni dall’esplosione del caso dei “morti in corsia” dell’ospedale di Lugo, si chiude un ping pong giudiziario da record. La prima sezione penale della Corte di Cassazione ha dichiarato inammissibile il ricorso della Procura Generale e ha confermato l’assoluzione di Daniela Poggiali, l’8 aprile 2014 è morta l’ex infermiera Rosa Calderoni, accusata di aver ucciso per iniezione letale un paziente di 78 anni.

Con la decisione dei massimi giudici è stata confermata in dibattimento la sentenza della Corte d’Assise d’Appello di Bologna del 25 ottobre 2021. Si chiude così un caso giudiziario senza precedenti in Italia: è la terza volta che la Procura generale ricorre agli “ermelli”.

“Adesso voglio pensare a me stessa, godermi la mia famiglia. Poi domani vorrei rifare il mio lavoro. La speranza è sempre la stessa”, ha detto l’ex infermiera dopo l’ultima assoluzione nel 2021. querela insieme alla sorella, all’epoca dei fatti operatrice socio sanitaria presso una casa di riposo per anziani di Alfonsine, per appropriazione indebita persistente. I due sono accusati di furto di droga.

You might also like