Borse in rialzo, sale l’attesa per Powell. Fmi: nubi sulla crescita della Cina

0

(Il Sole 24 Ore Radiocor) – Le borse europee si muovono in territorio positivo, nonostante gli indici S&P 500 e Nasdaq Composite di Wall Street abbiano chiuso per il terzo giorno consecutivo in ribasso e nonostante anche Tokyo abbia perso lo 0,37%. I riflettori restano accesi sulla Cina, in attesa di capire se il governo allenterà le misure anti-Covid dopo le manifestazioni cittadine. Il Direttore del Fondo Monetario Internazionale, Kristina Georgieva, ha chiesto una revisione delle politiche di Pechino “proprio per l’impatto che ha sulle persone e sull’economia”. Ha aggiunto che il Fondo potrebbe dover abbassare le sue previsioni per il PIL cinese a causa di Covid e dei problemi nel settore immobiliare.

Inflazione nel quadro: in attesa dei dati dell’Eurozona

C’è sempre molta attenzione all’andamento dei prezzi, che determinano le scelte delle banche centrali. Oggi è il turno dei dati sui prezzi al consumo di novembre dell’Eurozona, dopo i Dati francesi ha registrato una sostanziale stabilità a novembre (+6,2%). Già oggi ci si attende una riduzione del costo della vita: se così fosse, i mercati potrebbero iniziare a sperare in un rallentamento dei rialzi dei tassi da parte della Banca Centrale Europea. Martedì i mercati hanno accolto (sebbene tiepidamente) il calo dell’inflazione in Germania e Spagna. Oggi arrivano dati anche dall’Italia.

A Piazza Affari Tim è sempre molto stimato

A Piazza Affari gli occhi saranno ancora puntati su Telecom Italia, dopo che il governo si è preso un altro mese per ripensare il futuro della rete. Sotto i riflettori anche le azioni del regime Agnelli, dopo il terremoto ai vertici della Juventus Fc e il ritiro del team principal della Ferrari Mattia Binotto.

Occhi puntati sugli Stati Uniti per i dati macro in arrivo

Sul fronte macro, la giornata è ricca di appuntamenti, soprattutto negli States dove i I dati del mercato del lavoro di novembre stimati dall’Adp, annunciando gli annunci ufficiali che verranno rilasciati venerdì. È anche l’intenzione seconda lettura del PIL del terzo trimestrecosì come il Chicago PMI di novembre, il rapporto sul lavoro di October Jolts, il deficit commerciale di ottobre (preliminare), i compromessi immobiliari di ottobre e le scorte petrolifere settimanali.

Scopri di più

Il discorso di Powell e la Fed sconosciuta

Per quanto riguarda la Fed, il discorso del presidente della Fed è all’ordine del giorno Riserva Federale, Jerome Powelloltre alla pubblicazione del Libro beige. Il mercato sta cercando di capire se la Fed ritarderà i rialzi dei tassi: non è più previsto un aumento di 75 punti base a dicembre, ma solo di 50. Ma la domanda chiave è il 2023: fino a che punto la Fed spingerà verso l’alto il costo del denaro? ? Nei giorni scorsi alcuni membri del Federal Reserve Board hanno lasciato intendere che la Fed continuerà ad alzare i tassi, perché anche se l’inflazione rallenta, rimarrà molto alta.

You might also like