Caltanissetta. Omicidio Tortorici, il giovane che l’ha ucciso aveva iniziato un periodo di messa in prova alla cooperativa Etnos

0

Rita Cinardi
29 novembre 2022 11:37

Ha solo 19 anni e ne compirà 20 a dicembre, ma di precedenti ne aveva già tanti. Kevin Fiore, il 19enne accusato di aver ucciso Marcello Tortorici con una coltellata alla gola in via San Domenico la sera del 25 novembre, era già stato indagato in passato per reati di resistenza, danneggiamento seguito da incendio, porto di armi o oggetti per offendere, lesioni personali, calunnia, aggressione aggravata. Il 19enne aveva da poco iniziato un periodo di prova presso la cooperativa Etnos su un progetto sociale personale concordato con l’Ufficio Assistenza Giovani. Fiore prestava l’assistenza nel servizio di trasporto di soggetti fragili e – secondo quanto racconta la cooperativa – dopo un periodo iniziale, durante il quale aveva un atteggiamento molto distaccato, nell’ultimo periodo ha cominciato a relazionarsi con gli altri con comportamenti impeccabili. Secondo i responsabili della cooperativa, ora sembrava essere sulla buona strada e nessuno pensava che potesse tornare in carcere questa volta con la plumbea accusa di omicidio di primo grado. Questo il reato contestato al giovane che quella notte ha inseguito Marcello Tortorici e lo ha pugnalato al collo. Il tutto per futili motivi, come hanno ricostruito i ricercatori. Una ragazza che ha un problema sentimentale che coinvolge Kevin Fiore, la sua ragazza, e il figlio minorenne di Roberto Millaci

Ha solo 19 anni e ne compirà 20 a dicembre, ma di precedenti ne aveva già tanti. Kevin Fiore, il 19enne accusato di aver ucciso Marcello Tortorici con una coltellata alla gola in via San Domenico la sera del 25 novembre, era già stato indagato in passato per reati di resistenza, danneggiamento seguito da incendio, porto di armi o oggetti per offendere, lesioni personali, calunnia, aggressione aggravata. Il 19enne aveva da poco iniziato un periodo di prova presso la cooperativa Etnos su un progetto sociale personale concordato con l’Ufficio Assistenza Giovani. Fiore prestava l’assistenza nel servizio di trasporto di soggetti fragili e – secondo quanto racconta la cooperativa – dopo un periodo iniziale, durante il quale aveva un atteggiamento molto distaccato, nell’ultimo periodo ha cominciato a relazionarsi con gli altri con comportamenti impeccabili. Secondo i responsabili della cooperativa, ora sembrava essere sulla buona strada e nessuno pensava che potesse tornare in carcere questa volta con la plumbea accusa di omicidio di primo grado. Questo il reato contestato al giovane che quella notte ha inseguito Marcello Tortorici e lo ha pugnalato al collo. Il tutto per futili motivi, come hanno ricostruito i ricercatori. Una ragazza che ha un problema sentimentale che coinvolge Kevin Fiore, la sua ragazza, e il figlio minorenne di Roberto Millaci

You might also like