“Con Pioli ho un ottimo rapporto”, poi il parere sui giovani

0

Tommaso Pobega a tutto tondo nel format “Homegrown” di Milan TV. Il giovane centrocampista rossonero è intervenuto su vari argomenti come il suo arrivo a Roma Milano e il rapporto con il suo allenatore Stefano pioli.

L’ex torinese ha detto la sua anche sui giovani in Italia e su come secondo lui vadano aspettati. Di seguito un estratto delle sue parole.

A proposito di giovani in Italia

“È sempre una questione un po’ delicata e in questo periodo se ne parla tanto. Secondo me non è che non ci sia talento, non è che non ci siano giocatori, non è che non sono più nati a volte è solo questione di saperli aspettare al momento giusto o per capire quali sono i bisogno che questi giocatori hanno per sfruttarlo al meglio.

Io stesso però ho dovuto intraprendere un percorso per crescere sempre di più anno dopo anno. Forse questa è la cosa più importante che hai a che fare con l’Italia”.

Pobega Italia Milano

All’arrivo a Milano

È stata una fortuna enorme che mi ha reso molto più maturo. Sono arrivato a Milano quando ero ancora più un bambino. Avevo 14 anni e non ero ancora sviluppatoEro molto piccolo, ero un bambino molto loquace ma anche un po ‘paura di alcune cose.

Sono cresciuto molto perché arrivi in ​​una città nuova dove hai a che fare con 40-45 giovani che vengono da tutto il mondo. Nel mio anno da matricola non ho mai giocato, ero fisicamente un po’ indietro. Ero buono e felice Ho acquisito molta fiducia“.

Su Pioli

Lo avevo già conosciuto durante i ritiri. C’è sempre stata una gestione positiva del gruppo, in cui le persone lavorano molto bene. L’anno scorso mi disse che con il Torino avevo fatto una buona scelta e che avrei trovato un allenatore che mi avrebbe aiutato a crescere.

Ho un ottimo rapporto con Piolimi consiglia dove posso avere un miglioramento che deve essere costante, oltre alla gestione del gruppo che è ottima: capiamo quando andare forte e quando recuperare meglio“.

You might also like