«Eiaculare fa bene, ecco quante volte al mese»

0

L’eiaculazione riduce il rischio di cancro alla prostata. Uno studio pubblicato sulla rivista European Urology ha confermato l’efficacia del metodo di prevenzione naturale. Il motivo non è stato ancora del tutto determinato, ma gli scienziati hanno ipotizzato che possa eliminare le tossine dal sistema.




Cancro al colon, scoperte le cellule maligne che si staccano dal cancro e causano la morte per metastasi. “Speranza per milioni di malati”


Morta a 24 anni Alice Manfrini, la tiktoker con il sarcoma di Ewing: sui social ha condiviso la battaglia contro il cancro




Ricerca sul cancro alla prostata




Lo studio ha esaminato le abitudini sessuali di 32.000 uomini e ha concluso che quelli con tassi di eiaculazione più elevati avevano meno probabilità di sviluppare il cancro alla prostata. “Abbiamo scoperto che gli uomini che hanno riportato una frequenza di eiaculazione più alta rispetto a una più bassa in età adulta avevano meno probabilità di essere diagnosticati con il cancro alla prostata”, ha detto l’autore dello studio. Questo ampio studio prospettico fornisce una prova più forte del ruolo benefico dell’eiaculazione nella prevenzione del cancro alla prostata”.








Quante volte al mese dovresti eiaculare?




Secondo lo studio, c’è anche un numero minimo di eiaculazioni che deve essere rispettato per ridurre il rischio di cancro alla prostata. “Ci vogliono 21 o più per proteggersi”, spiega il ricercatore. Lo studio ha rilevato che gli uomini che eiaculavano almeno 21 volte al mese avevano un rischio inferiore del 33% di cancro alla prostata, rispetto a quelli che non lo facevano.


Naturalmente, l’eiaculazione non è l’unico modo per prevenire il cancro. Gli esperti dicono che l’obesità, il tabacco, gli alimenti trasformati ad alto contenuto di grassi e l’ereditarietà sono altri fattori di rischio che possono portare al cancro.


“Se un uomo vuole stare fuori dalla sala operatoria ed evitare il cancro, dovrebbe fare tutto il possibile per evitare il cibo spazzatura ad alto contenuto di grassi e le tossine ambientali che contribuiscono ai problemi, e intraprendere un programma nutrizionale ragionevole basato su quell’atto sulla prostata, ha aggiunto l’autore dello studio.


Ultimo aggiornamento: domenica 27 novembre 2022, 18:19

© RIPRODUZIONE RISERVATA

You might also like