Fedez, Emanuela Orlandi e le risate: raga, è lui | Il Caffè di Gramellini

0

Chi sarà questo Federico Lucia, meglio conosciuto come Fedez, che fa una battuta incomprensibile sulla scomparsa di Emanuela Orlandi e ci ride sopra? Su di lui si è pronunciata la corte dei social, che si è subito convocata colpevole di violazione della decenza e condannato all’insulto eterno: ripugnante, l’unico aggettivo pubblicabile che si trova su Internet.

Anziché Pietro Orlandi, fratello di Emanuelanon si è indignato: ha accettato le scuse del noto influencer e si è limitato a dare degli immaturi. Tra i giudici da tastiera e il fratello della vittima, sarei più propenso a fidarmi di quest’ultimo, non fosse altro perché la vicenda lo riguarda in prima persona: Federico Lucia è il personaggio del nostro tempo schiacciato nell’attimo e in un’eterna adolescenza.

L’adolescenza rimane quel periodo barbaro della vita in cui, in risposta all’insicurezza e alla paura che ti pervadono, ti senti l’ombelico del mondo, manchi di rispetto agli altri e consideri insignificante il passato. Quando Gerry Scotti gli ha parlato del regista Giorgio Strehler, triestino di nascita ma uno dei milanesi più famosi del Novecento, il milanese Fedez, che non sapeva della sua esistenza, ha riso ancora: Chi c’è. Streller, ragazzi? Fedez niente male, solo social: può ridere della Orlandi e piangerla un minuto dopocon lo stesso trasporto e l’assoluta convinzione di essere il primo e l’unico a farlo.

Il Caffè Gramellini vi aspetta qui, dal martedì al sabato. Gli abbonati al Corriere hanno anche accesso a PrimaOra, la newsletter che ti aiuta a iniziare al meglio la giornata. Chi non è ancora iscritto può trovare qui il modo per farlo e accedere a tutti i contenuti del sito, a tutte le sue newsletter e podcast e all’archivio storico del quotidiano.


26 gennaio 2023, 07:01 – modifica 26 gennaio 2023 | 07:01

You might also like