Georgia, “tracce di mercurio e arsenico nel corpo dell’ex presidente Saakashvili”

0

Tracce di mercurio E arsenico. Questo il rapporto di medici stranieri sul corpo dell’ex presidente georgiano Michail Saakashvili, in cui sono state diagnosticate più di 30 patologie. “L’ex presidente – ha spiegato l’avvocato Shalva Chachapuridzeche non ha fornito informazioni specifiche sulle conclusioni dei medici stranieri – ha perso 30 chili e ha sviluppato problemi di mobilità durante la detenzione“. Saakashvili è agli arresti da oltre un anno con varie accuse a suo carico e lo scorso maggio è stato trasferito in una clinica per deterioramento del suo stato di salute, anche dopo uno sciopero del Affamato, iniziato a protestare contro il preoccupazione medico che, sostiene, non gli sono stati forniti in carcere.

L’ex presidente filo-occidentale del Georgiache è anche il fondatore del partito di opposizione Movimento Nazionale Unito e cittadino ucraino, ha guidato il paese dal 2004 al 2007 e dal 2008 al 2013, mentre è stato anche governatore della regione ucraina dell’Ucraina dal 2015 al 2016 Odessa. Saakashvili dopo aver perso il potere, ha avuto problemi con la giustizia interna ed è stato condannato nel 2018 assenza a sei anni di reclusione con l’accusa di abuso d’ufficio che secondo vari osservatori sono di natura politica. Saakashvili ha vissuto all’estero per diversi anni, ma l’anno scorso, alla vigilia delle elezioni amministrative di inizio ottobre, è tornato Georgia ed è stato arrestato. Dichiara la sua innocenza, afferma che la sua condanna è politica e, subito dopo il suo arresto, ha annunciato uno sciopero della fame di 50 giorni mentre migliaia di persone sono scese in piazza per chiedere il suo rilascio. “Amo la vita, ma questo sciopero continuerà fino alla fine della mia vita”, ha detto. In un altro post, ha ringraziato il presidente ucraino Volodymyr Zelenskij, che all’epoca aveva promesso di ottenere la sua liberazione. “Infatti – ha detto l’ex Presidente – Sono un prigioniero personale di Mettere in e apprezzo molto la sua ferma posizione (di Zelensky, ndr) nel proteggere l’Ucraina, l’intera regione e tutti i prigionieri dell’impero”. Nel passato Saakashshvili in un’aula di tribunale ha affermato di essere stato “torturato, trattato in modo disumano, picchiato e umiliato” durante la detenzione. Amnesty International definito il trattamento a lui riservato “non solo giustizia selettiva ma apparente vendetta politica”, mentre la Corte europea dei diritti dell’uomo aveva chiesto alle autorità georgiane di “garantire la sicurezza in carcere” dell’opponente “e lui cure mediche adeguate“.

Prossimo articolo

Dalila Procopio viene deportata dalla Turchia: è stata fermata dopo la marcia femminista a Istanbul

Il prossimo

You might also like