Giornata mondiale contro l’Aids: a Piacenza 10 nuovi diagnosi di Hiv nel 2021

0

Continua a diminuire in Emilia-Romagna il numero di persone che contraggono l’infezione da HIV: negli ultimi 16 anni il trend è in costante calo sia per gli uomini che per le donne, con oltre la metà delle nuove diagnosi, passando dai 368 del 2006 ai 175 del 2021. Nel 2021 a Piacenza si sono registrati 10 nuovi casi (incidenza 3,5 per centomila abitanti).

Rimane comunque alta la percentuale che arriva a una diagnosi tardiva: 57%. Lo confermano i dati dell’ultima relazione dell’Assessorato regionale alle politiche sanitarie. “In Emilia-Romagna – sottolinea l’assessore Raffaele Donini– il trend in calo dei contagi da HIV conferma l’impegno della sanità pubblica e il grande lavoro delle associazioni. Questo dato però non deve scoraggiarci, perché è ancora alta la percentuale di chi tardi scopre di aver contratto il virus. Per questo occorre continuare a sensibilizzare le persone, promuovere l’uso del test e far sì che aumenti la consapevolezza dei rischi, superando stereotipi e pregiudizi”.

Sempre con questo obiettivo, in occasione della Giornata mondiale contro l’AIDS di giovedì 1 dicembre, la Regione promuove tre webinar organizzati da helpAids, con operatori sanitari e rappresentanti delle associazioni per discutere di prevenzione e salute (due sono in programma giovedì 1 dicembre alle ore 10:00). e 14, il terzo lunedì 5 dicembre alle 15; programma e iscrizione sono disponibili al link: https://www.helpaids.it/webinar2022). E sono tante le iniziative che promuovono le aziende sanitarie e ospedaliere del territorio per sensibilizzare i cittadini, anche in collaborazione con associazioni, enti locali, scuole e farmacie.

HIV in Emilia Romagna

In Emilia-Romagna nel 2021 sono state registrate 175 nuove diagnosi di infezione da HIV tra i residenti, con un’incidenza di 3,9 casi ogni 100.000 abitanti; incidenza che rimane più elevata negli uomini (6,4 rispetto a 1,5 nelle donne).

Secondo i dati del Settore Prevenzione Collettiva e Sanità Pubblica della Regione Emilia-Romagna, l’incidenza media nel periodo 2006-2021 è stata di 7,0 casi ogni 100.000 abitanti: il trend è in diminuzione in entrambi i sessi. L’unico lieve incremento si è registrato nel 2021, rispetto alle 145 diagnosi del 2020: si ipotizza che le diagnosi non fatte l’anno precedente a causa della pandemia siano guarite, ma solo i dati futuri potranno confermarlo.

In tutto il periodo considerato, le persone sieropositive che sono state diagnosticate sono state prevalentemente maschi (74%), di età compresa tra 30 e 39 anni (31%) e di nazionalità italiana (68%). La principale modalità di trasmissione sembra essere sessuale nell’88% dei casi (52% eterosessuale e 36% omo-bisessuale); in particolare, nel 2021, la trasmissione omo-bisessuale è superiore a quella eterosessuale (rispettivamente 47% e 43%). In quasi un quinto dei casi (19%) delle femmine, la sieropositività è stata rilevata durante la gravidanza; in genere si tratta di donne straniere (84%).

Una diagnosi precoce dell’infezione da HIV consente di attivare rapidamente cure efficaci. Nel periodo 2006-2021, più della metà (52%) delle persone erano già infette da AIDS, o in una fase molto avanzata, al momento della diagnosi di HIV. Nel 2021, questa quota sarà del 57%. L’incidenza per fasce di età mostra che la fascia d’età tra i 20 e i 49 anni è quella più colpita: il fenomeno è poco avvertibile nei giovanissimi sotto i 20 anni e ha un impatto minore negli over 50. Gli stranieri con diagnosi di infezione da HIV rappresentano poco meno di un terzo (32%) del totale: sono notevolmente più giovani degli italiani e prevalentemente donne. L’incidenza degli stranieri mostra un andamento costantemente superiore a quello degli italiani, anche se la differenza si è nel tempo assottigliata.

Nel 2021 i nuovi casi di AIDS tra gli abitanti dell’Emilia-Romagna sono stati 47. L’incidenza biennale 2020-21 (più stabile, visto il numero basso) è pari a 1,0 casi ogni 100.000 abitanti. Dal 1996, anno di introduzione delle terapie antiretrovirali (ARV), si osserva un forte calo delle diagnosi e dei decessi, con un progressivo aumento del numero di persone con diagnosi di AIDS.

Dati per provincia

Le nuove diagnosi di HIV nel 2021 sono state 50 a Bologna (con incidenza di 4,9 casi ogni centomila abitanti), 22 a Rimini (incidenza 6,5), 20 a Reggio Emilia (incidenza 3,8) e a Modena (incidenza 2,8), 19 a Parma (incidenza 4.2), 12 a Ferrara (incidenza 3.5) e a Forlì-Cesena (incidenza 3.0), 10 a Piacenza (incidenza 3,5) ea Ravenna (incidenza 2,6).

© Copyright 2022 Editoriale Libertà

You might also like