gli Abrams arriveranno tardi- Corriere.it

0

A partire dal Andrea Nicastro, inviato e redattore online

Il telegiornale di guerra di giovedì 26 gennaio, in diretta. Gli Stati Uniti confermano che ci vorranno diversi mesi prima che arrivino i carri Abrams, mentre i Leopardi tedeschi arriveranno per primi. E Zelenskyj continua a chiedere agli Alleati jet e missili a lungo raggio, aggiungendo che arriveranno presto.

• La guerra in Ucraina ha raggiunto il suo 337° giorno.
• Biden: Daremo 31 Abrams a Kiev. Nessuna offensiva contro la Russia. Ma ci vorrà un po’ prima di vederli in azione.
•Zelensky ringrazia: alleanza sempre più forte per la liberazione dell’Ucraina.
•L’ironia dei media russi: un video per scherzare sull’efficacia dei carri armati.
•La Russia intensifica gli attacchi a Donetsk.

06:42 – Filorussi: otto missili Kiev lanciati su Lugansk

Otto missili supportati dai lanciamissili Himar sono stati lanciati dalle forze ucraine contro le città di Lugansk di Kreminna e Rubizne, ha riferito la missione LPR del Centro di controllo e coordinamento congiunto (JCCC) sul suo canale Telegram. Secondo la missione, un hotel è stato distrutto a Rubizne, tre scuole, un edificio amministrativo e un caffè a Kreminna. Lo denunciano le autorità fiscali.

03:30 – USA: Settimane di tensione, poi Biden riluttante ha dato ragione al carro armato

La decisione degli Stati Uniti di inviare carri armati in Ucraina segue gli Stati Uniti: sìsettimane di tensione, poi il riluttante Biden gli ha dato un buon carburante, poi risolta da Joe Biden scegliendo di inviare la M1 Abrams per mostrare un fronte unito di coalizione. Lo riportano i media Usa ricostruendo il dietro le quinte delle trattative per sbloccare i carri armati. Biden alla fine ha ceduto, anche se a malincuore, a dare la sua approvazione, sbloccando l’invio di leopardi attraverso la Germania e altri paesi.

03:20 – Kiev, anche l’Occidente lancerà missili a lungo raggio

Sulla scia dell’annuncio che l’Occidente fornirà carri armati Abrams e Leopard a Kiev, il governo ucraino chiede missili a lungo raggio; e Mikhailo Podolyak, stretto consigliere del presidente Volodymyr Zelensky, si dice sicuro che anche l’Occidente troverà un accordo sulla fornitura di questi missili, che possono colpire la retroguardia russa a centinaia di chilometri. Ha detto al quotidiano britannico The Telegrah, sostenendo che in Occidente c’è già la consapevolezza che i timori che i missili porteranno a un’escalation sono mal riposti. Al momento stiamo assistendo a un netto cambiamento nelle posizioni delle élite politiche dei paesi europei, che capiscono di dover trasferire tutte le attrezzature (a Kiev), compresi i principali carri armati. E sono sicuro che raggiungeremo senza dubbio un accordo sui missili a lungo raggio.

03:22 – USA-Russia: è arrivata a Mosca la nuova ambasciatrice Tracy

è arrivata a Mosca la nuova ambasciatrice Usa, Lynn Tracy. Lo ha annunciato su Twitter l’ambasciata Usa nella Federazione Russa, postando una foto del diplomatico in uno degli aeroporti della capitale. Bentornata in Russia, Ambasciatrice Tracy!, recita il messaggio in russo. Alla fine di dicembre, il Senato degli Stati Uniti ha approvato la nomina di Lynn Tracy ad ambasciatrice in Russia. Tracy – che parla russo e ha già lavorato a Mosca (tra il 2014 e il 2017 è stata la numero due della missione diplomatica) – è la prima donna nella storia a ricoprire questo incarico. Il precedente ambasciatore statunitense in Russia, John Sullivan, ha lasciato il suo incarico dopo quasi tre anni a causa della grave malattia e della morte della moglie.

2:15 – Casa Bianca, diversi mesi prima dell’arrivo degli Abrams

I carri armati tedeschi Leopard arriveranno a terra in Ucraina più velocemente dei carri armati americani Abrams, il che richiederà molti mesi: Questo è quello che ha detto John Kirby, portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca. Parlando con la CNN, Kirby non ha specificato una tempistica per la consegna dei carri armati Abrams in Ucraina da parte degli Stati Uniti, ma ha affermato che ci vorranno diversi mesi.

23:55 – Zelenskyj agli alleati: servono jet e missili a lungo raggio

molto importante che si compiano progressi in altri aspetti della nostra cooperazione in materia di difesa. Ho parlato oggi con il Segretario generale della NATO Jens Stoltenberg. Dobbiamo anche aprirci alla fornitura di missili a lungo raggio all’Ucraina, espandere la nostra cooperazione sull’artiglieria, pensare alla fornitura di aerei all’Ucraina. Lo ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky nel suo videomessaggio serale. Maggiore è il supporto difensivo che i nostri eroi ottengono sul fronte mondiale, prima finirà l’aggressione russa e più affidabili saranno le garanzie di sicurezza per l’Ucraina e tutti i nostri alleati dopo la guerra, ha aggiunto.

26 gennaio 2023 (modifica 26 gennaio 2023 | 06:44)

You might also like