Goldman Sachs fa rotta su Milano. Brexit e tassazione favorevole attraggono la grande finanza nel capoluogo lombardo

0

La banca d’affari americana Goldman Sachs sta per trasferire il proprio personale a Milano swap trading desk a londra. La decisione è stata presa in risposta alle nuove restrizioni imposte dalla Brexit. Lo scrive l’agenzia Bloomberg citando fonti vicine al fascicolo. Il “trasloco” dovrebbe avvenire nei primi mesi del 2023. Oggi la banca impiega già un’ottantina di persone a Milano. Al giganti finanziari in primo luogo stanno trasferendo parte del loro personale a Londra in centri alternativi Parigi, Amsterdam e Francoforte. “Grazie ai cambiamenti normativi, Milano è ora considerata una città favorevole al mercato”, afferma Bloomberg Socio di Russell Clarke dalla società di consulenza Figtree Search. Il gigante americano JPMorgan Chase & Co. oggi ha 200 dipendenti nella filiale di Milano e intende farlo espandere ulteriormente l’organico. Citigroup sta anche espandendo la sua forza lavoro attuale di 230.

Bloomberg sottolinea anche come euronext, La società che gestisce le borse di Parigi, Amsterdam, Milano, Lisbona e Bruxelles ha aperto lo scorso giugno un data center a Bergamo, a circa mezz’ora da Milano, spostandolo da una zona vicina a Londra. Il capoluogo lombardo non è un peso massimo. Domina ancora Londra, seguita da Parigi, ma gli equilibri si stanno lentamente ridistribuendo. Attrarre a Milano persone facoltose, banchieri e gestori di fondi è anche il trattamento fiscale favorevole. In Italia, i nuovi residenti possono pagare una tariffa forfettaria di 100 mila euro SU profitti realizzati all’estero o non pagare tasse fino al 70% del reddito.

Articolo precedente

La flat tax è una minaccia per i tanti poveri e una promessa per i pochi ricchi

Il prossimo

Prossimo articolo

Torino, quindi la città vende beni pubblici a privati ​​/2

Il prossimo

You might also like