«Ho pochi mesi di vita»

0

Prima la diagnosi errata, poi la scoperta che gli ha cambiato la vita. I medici avevano contro a Dave Whitford, 49 anni, che una puntura d’insetto gli aveva provocato un’infezione. In realtà, quei mal di testa e le vertigini erano la causa di un tumore al cervello. “Ho ancora qualche mese”, ha detto.

Dave Whitford era seduto in giardino quando si è ammalato per la prima volta. Ha iniziato a vomitare e aveva le vertigini. Dopo diverse ore in cui le sue condizioni non sono migliorate, è stato portato in ospedale. I medici che lo hanno controllato gli hanno detto che si trattava di un’infezione all’orecchio causata da una puntura d’insetto.

Niente che un po’ di cortisone non possa risolvere. Ma la diagnosi era completamente sbagliata, riporta l’Independent. Non solo quel nodulo è rimasto al suo posto, ma ha continuato a crescere per due anni fino a quando i medici hanno deciso di operarlo per rimuoverlo. Così, dopo l’esame istologico, è stata fatta la diagnosi corretta: tumore. Uno di quegli inguaribili che non lasciano scampo. «Hai tra i 12 e i 18 mesi di vita», le parole rivolte dai medici all’uomo.

“Quando l’ho scoperto, ho pianto. Ero devastato”, dice Dave Whitford, che ora vuole viaggiare attraverso gli Stati Uniti e ha organizzato una festa in anticipo per il suo cinquantesimo compleanno (a maggio del prossimo anno), nel caso in cui non riuscisse a festeggiare. Ha lavorato come autista di autobus fino alla diagnosi. Ora è a casa con la sua famiglia e si gode ogni momento che gli resta.

You might also like