I Mondiali del Qatar in diretta | Le partite di oggi: Tunisia-Francia 0-0 e Australia-Danimarca 0-0

0

da A.Bocci, A. Ravelli, P.Tomaselli, inviati a Doha e Redazione Sport

La diretta del Mondiale in Qatar 2022 con tutte le partite, le news, le formazioni in campo e i protagonisti

• La Coppa del Mondo in Qatar si svolgerà oggi, mercoledì 30 novembre. Qui i risultati, il calendario e dove puoi vedere tutte le partite

• Partite di oggi: il girone D chiude alle 16 con Tunisia-Francia e Australia-Danimarca. Il 20 è la volta del girone C con Polonia-Argentina e Arabia Saudita-Messico
• Nelle quattro partite di ieri del Gruppo A, hanno vinto il Senegal (2-1 contro l’Ecuador) e l’Olanda (2-0 contro il Qatar), che si è qualificata per gli ottavi di finale. Nel girone B Iran-USA 0-1 e Galles-Inghilterra 0-3

16:21 – La Francia B è in testa

Con la qualificazione in tasca (e anche un po’ di primo posto nel girone), la Francia si concede il lusso di tenere in panchina Mbapp e tanti titolari. Gli azzurri provano a dribblare a centrocampo dopo lo choc del gol annullato alla Tunisia e tengono bassi i ritmi di gioco.
QUI le notizie in tempo reale dalla Tunisia-Francia

QUI le notizie in diretta da Australia-Danimarca

Modalità di gruppo QUI

16:08 – Annullato il gol del tunisino

Subito la prima emozione in Tunisia-Francia. All’8′ Ghandri tira al volo un cross su punizione da centro area, ma la sua posizione al momento del passaggio è in leggero fuorigioco, segnalato dal guardalinee e confermato dal Var.
QUI le notizie in tempo reale dalla Tunisia-Francia

QUI le notizie in diretta da Australia-Danimarca

Modalità di gruppo QUI

15:19 – Formazioni ufficiali Australia-Danimarca (16:00)

Australia (4-3-3): Ryan; Degenek, Rowles, Souttar, Behich; Mooy, McGree, Irvine; Leckie, Duke, Goodwin. Allenatore: Arnold.
Danimarca (4-2-3-1): Schmeichel; Kristensen, Andersen, Christensen, Maehle; Hojbjerg, Lindstrom; Olsen, Eriksen, Jensen; Braithwaite. Allenatore: Hjulmand.
Arbitro: Gorbal (Algeria)

15:16 – Formazioni ufficiali Tunisia-Francia (16:00), Mbapp in panchina

Tunisia (3-4-3): Damen; Talbi, Meria, Ghandri; Maaloul, Laidouni, Skhiri, Kechrida; Khazri, Ben Romdhane, Slimane. Allenatore: Kaidri.
Francia (4-3-3): mandanda; Disasi, Varane, Konat, Camavinga; Fofana, Tchouameni, Veretout; Guendouzi, Kolo Muani, Coman. Allenatore: Deschamps.
Arbitro: Grongo (Nuova Zelanda)

13:44 – Belgio sotto tossine, serve Lukaku: ma partirà in panchina

(Arianna Ravelli, inviata a Doha) Belgio alle prese con una crisi di nervi, con stracci che volano negli spogliatoi, persone che non si parlano (De Bruyne e Courtois si sono divisi per vecchi rancori per una fidanzata) o si lanciano frecciatine (De Bruyne aveva parlato di una squadra troppo vecchia a vincere, gli ha risposto Vertonghen (abbiamo giocato malissimo, soprattutto in attacco, siamo chiaramente troppo vecchi per segnare), e che quasi si mette le mani addosso, come Hazard e De Bruyne condivisi da Lukaku, almeno secondo il Storia dell’Equipe, smentita dai giocatori e dal tecnico Roberto Martinez. In ogni caso, dopo la giornata di riposo con le famiglie all’Hilton Salwa Beach, c’è stato un incontro tra mister e squadra: confronto costruttivo come si dice quando la situazione è davvero tesa. Domani contro la Croazia classificata terza ai Mondiali in Russianumero uno nella classifica FIFA per molti anni, rischia già di lasciare il Mondiale. Hai bisogno di un leader, hai bisogno di qualcuno su cui appoggiarti. Ci sarebbe, nella persona di Romelu Lukaku, in tribuna la prima partita è stata vinta a stento contro il Canada, in campo solo negli ultimi dieci minuti nella sconfitta contro il Marocco e ancora incerta. Probabilmente non partirà dal primo minuto. C’è una grossa mancanza in campo – le parole di Martinez – lui in campo fa la differenza, noi giochiamo in modo diverso. E poi un leader e colpisce lo spogliatoio. Proprio quello di cui hai bisogno oggi.

11:24 – Tunisia-Francia, 10 tunisini nati in territorio francese

Con dieci dei 26 giocatori nati in Francia, la partita tra transalpini e tunisini in Qatar in occasione dei Mondiali avrà il profumo di un derby. Il portiere, classe ’95, Mouez Hassen, nato nel Frejus e giocato tra gli altri nel Nizza e nello Chateauroux; il difensore centrale, classe ’98, Montassar Talbi nato a Parigi e gioca nel Lorient; Nader Ghandri, classe 1995 ad Aubervilliers e in passato militato nell’Arles-Avignon; Dylan Bronn, classe ’95, nato a Cannes e attualmente in forza alla Salernitana dopo aver militato nel Metz. Wajdi Kechrida, classe ’95, nato a Nizza. Hannibal Mejbri, classe 2003, che attualmente gioca nel Birmingham City, è nato a Ivry-sur-Seine, mentre Aissa Laidouni, classe 1996, è nata a Livry-Gargan. Ellyes Skhiri, classe ’95, nata a Lunel e attualmente in forza all’FC Cologne. Wahbi Khazri, classe ’91, nato ad Ajaccio, ha giocato nel Bastia, nel Bordeaux e ora nel Montpellier. Naim Sliti, classe ’92, nato a Marsiglia e in passato ha giocato con Stella Rossa e Lilla.

10:21 – Cristiano Ronaldo in Arabia Saudita?

Cristiano Ronaldo ormai vicino all’accordo con Al-Nassr. Lo assicura il quotidiano spagnolo Marca, che rilancia un’ipotesi che era già sul tavolo una settimana fa. Il 37enne campione portoghese dovrebbe firmare un contratto di due anni e mezzo, con un incredibile compenso di 200 milioni di euro a stagione, inclusi stipendio e accordi pubblicitari. CR7, uno dei maggiori protagonisti del Mondiale in Qatar con la nazionale lusitana, avrebbe optato per l’Arabia Saudita e una competizione meno competitiva dopo l’avventura in Premier League con il Manchester United per le note divergenze di opinione con Ten Hag, ma sicuramente con risorse nemmeno immaginabili ad altre latitudini (MLS compresa).

Al-Nassr ha guidato in panchina con il francese, ex Roma, Rudi Garca e nella sua squadra colpisce la presenza del portiere colombiano Ospina e dello spagnolo Alvaro Gonzalez. La squadra di Ryad, che gioca le partite casalinghe allo stadio Msool Park (capienza 25.000 tifosi), potrebbe quindi affidarsi a Ronaldo per battere il grande rivale Al-Hilal, campione in carica della Saudi League.

09:03 – Usa qualificata agli ottavi, gioia di Biden

Stati Uniti uno, Iran zero! Gioco finito. Con queste parole, in occasione di un evento in Michigan, il presidente degli Stati Uniti d’America Joe Biden ha espresso il suo entusiasmo per la vittoria della nazionale di calcio statunitense ai Mondiali in Qatar. Che bella partita. Quando ho parlato con l’allenatore e con i giocatori, ho detto loro “ce la puoi fare”. Ce l’hanno fatta. Dio li benedica ha concluso il capo di stato americano.

08:08 – Temperature sopra la media a Doha

Quanto influiranno i cambiamenti climatici sulle temperature misurate oggi a Doha, in Qatar, dove si giocano i Mondiali? Moltissimo. A pochi giorni dall’inizio sono già stati misurati +3,4 gradi rispetto al normale periodo dell’anno, secondo i calcoli degli scienziati del Climate Central, centro americano di ricerca sul clima. Secondo Climate Central, le temperature a Doha sono attualmente più calde di oltre 3 gradi rispetto al normale periodo dell’anno, un aumento che ha reso il cambiamento climatico almeno il doppio più probabile. Secondo Andrew Pershing, direttore della divisione di scienze climatiche di Climate Central, lo stress di competere in condizioni di caldo estremo sta colpendo un numero crescente di atleti e il cambiamento climatico sta rendendo gli sport all’aria aperta più rischiosi sia per i professionisti che per gli atleti. E continuerà ad essere più rischioso fino a quando le emissioni nette di gas serra non saranno interrotte e le temperature globali smetteranno di aumentare.

07:34 – Iran-USA: Al 90′ i nemici si abbracciano

(Arianna Ravelli, inviata a Doha) Con il sottofondo di trombe e tamburi a sostegno dell’Iran per i 105′ della madre di tutti i giochi versione 2.0 (mai sentito un tifo così caloroso qui in Qatar: fa impressione pensare che sia stato il regime a pagare a molti di questi ragazzi e ragazze ormai tristi aerei e biglietti per incitare il Team Melli, e che tra questi siano stati mandati anche i supervisori per controllare gli attivisti), il calcio è diventato calcio, nelle parole dell’allenatore iraniano Carlos Queiroz.

QUI l’articolo completo

07:30 – Dove vederlo in TV

Il programma con orari, tv e tutti i risultati dei Mondiali in Qatar. Qui puoi guardare le partite in TV.

30 novembre 2022 (modifica il 30 novembre 2022 | 16:25)

You might also like