il giocatore di basket aveva 24 anni

0

Di recente aveva attraversato un periodo difficile dopo aver appreso che gli era stata diagnosticata la SLA in una fase molto precoce.

Aveva 24 anni Riccardo Blasi, il giovane reatino che ieri sera – lunedì 28 novembre – si è suicidato premendo contro se stesso il grilletto di una pistola. Il cadavere del giovane è stato ritrovato sul ciglio della strada in località Terminillo. Il ragazzo ieri non era tornato a casa e i suoi genitori sono rimasti scioccati e hanno iniziato le ricerche, che purtroppo sono durate solo poche ore. Secondo quanto accertato dai carabinieri, l’arma utilizzata dal giovane per togliere la vita al padre è una pistola regolarmente immatricolata, in quanto l’uomo è impiegato come guardia giurata presso l’ospedale cittadino De Lellis. I funerali di Riccardo Blasi si svolgeranno domani, mercoledì 30 novembre.

Non è noto se il 24enne abbia lasciato appunti o messaggi di addio. Di recente aveva attraversato un periodo difficile dopo aver appreso che gli era stata diagnosticata la SLA in una fase molto precoce. I funerali sono previsti per domani pomeriggio a San Giovanni Reatino, la frazione dove il ragazzo viveva con la famiglia.

La grande passione di Riccardo era il basket, sport che praticava e nel quale è stato attivo a livello agonistico per molti anni. Il messaggio della squadra cittadina, Real Sebastiani Rieti, diffuso sui social: “La RSR prende atto con incredulità e sgomento della prematura, quanto dolorosa scomparsa di Riccardo Blasi, nostro tifoso, amante del basket, golden boy. Le più sentite condoglianze e l’ideale abbraccio da parte di ogni componente della società, dello staff tecnico, della squadra e del settore giovanile va al papà Gianni e a tutta la famiglia”.

You might also like