«La Juventus può vincere qualsiasi cosa. Ma il sistema va cambiato»- Corriere.it

0

L’ex presidente del club bianconero ha ottemperato a un incontro già programmato in Senato con la società bianconera.Il parlamento è stata una scelta fatta di concerto con John Elkann

La Juve è più grande di qualsiasi uomo che potrà mai guidarla. Andrea Agnelli torna a parlare in Senato a due giorni dalle sue improvvise dimissioni da presidente del club bianconero in un incontro, programmato da tempo, con il parlamento bianconero. Addio ai vertici dell’azienda, ha sottolineato Agnelli, è stata una scelta fatta di comune accordo con John Elkann, quindi con l’azionista di maggioranza. Io resto il primo tifoso – ha aggiunto l’ex numero uno – e i programmi e gli obiettivi della squadra non cambiano: a seconda delle situazioni può vincere tutto.

Significativamente, Agnelli si è presentato all’appuntamento con il tecnico tedesco Bernd Reichart, direttore generale della A22, la società promotrice del progetto Superlega. Ho già detto nel 2019 – ha ripetuto – che questo è un sistema che va regolato dall’interno e modificato. All’incontro hanno preso parte una ventina di parlamentari. Tra loro il vicepresidente vicario di Fratelli d’Italia al Senato, Roberto Speranzon, che ha raccontato a Rai Radio1: Agnelli era agguerrito e di buon umore, diceva che in un locale ci sono momenti positivi e momenti meno belli, ma lui era sereno.

30 novembre 2022 (modifica il 30 novembre 2022 | 16:18)

You might also like