Mattarella firma la Manovra, tesoretto di 400 milioni per gli emendamenti – Politica

0

il presidente della repubblica, Sergio Mattarella, ha firmato la legge di bilancio. Questo è stato insegnato al Quirinale. In precedenza il testo della manovra era stato timbrato dalla Corte dei Conti. Rimane a 60 euro l’obbligo di accettare pagamenti digitali con carta e bancomat senza penale. Gli articoli in totale salgono a 174 contro i 156 dell’ultima stesura.

La riunione di manovra del premier si è conclusa dopo circa un’ora e venti minuti Giorgia Meloni e i vertici del gruppo di maggioranza a Palazzo Chigi. “Le priorità della Lega sono già state ampiamente soddisfatte nella legge di bilancio, ora studiando attentamente il testo definitivo vedremo cosa si può migliorare: presenteremo alcuni emendamenti, ma siamo molto soddisfatti di quello che già c’è”. Così ha detto il capogruppo Lega alla Camera, Riccardo Molinari, al termine della riunione di maggioranza a Palazzo Chigi sulla manovra. “Tutte le forze politiche sono soddisfatte, nel lavoro di commissione e in Aula cercheremo di apportare qualche miglioria, ma niente di radicale, perché il testo risponde già alle nostre aspettative. Ci siamo dati un metodo di lavoro per quanto riguarda scadenze e modalità di lavoro ore – ha spiegato -, abbiamo guardato il calendario dei vari decreti che avremo nel mese di dicembre, stiamo iniziando a fare ipotesi su come organizzare il lavoro alla Camera, abbiamo parlato solo della manovra, ci sono i decreti giustizia, Nato, Aiuti quater, dicembre è un mese molto intenso dal punto di vista parlamentare». “Abbiamo definito il calendario per l’ordinato svolgimento dei lavori parlamentari vista l’attenzione delle Camere, ci sono diversi decreti, come il decreto Calabria-Nato, il decreto giustizia e abbiamo visto anche le scadenze della legge di Bilancio. C’è stato un impegno da parte di tutti per accelerare i tempi”. Lo ha riferito ai giornalisti che hanno lasciato l’incontro a Palazzo Chigi il Presidente dei Senatori di Fi Licia Ronzulli. Alla domanda se Fi avesse rassicurazioni o assicurazioni in merito ai suoi emendamenti, Ronzulli ha risposto: “Non abbiamo discusso gli emendamenti nello specifico. Fi farà proposte sugli sgravi fiscali per l’assunzione dei giovani e sulle pensioni minime, ma non sono state date garanzie”. I cronisti hanno poi chiesto se il Presidente Meloni avesse chiesto un limite al numero di emendamenti: “è il senso di responsabilità di tutti noi che porterà a una riduzione dei numeri: pochi ma di ottima qualità”.

I fondi che il MEF avrebbe stanziato per coprire le modifiche di iniziativa parlamentare alla legge di bilancio dovrebbero essere di circa 400 milioni di euro. Secondo diverse fonti parlamentari intervistate dall’ANSA dopo l’incontro tra il governo ei vertici della maggioranza sulla manovra.

Metro C a Roma: 50 milioni di euro – Per il completamento della tratta T2, la realizzazione della tratta T1 e l’adeguamento contrattuale dovuto ai maggiori costi della tratta T3 della Metro C di Romala manovra autorizza un rilascio di 50 milioni di euro per ciascuno degli anni 2023, 2024, 2025, di 100 milioni di euro per ciascuno degli anni 2026 e 2027, 200 milioni di EUR per ciascuno degli anni 2028 e 2029, 500 milioni di EUR per ciascuno degli anni 2030 e 2031 e 450 milioni per l’anno 2032. Questi – si legge nel testo bollato – costituiscono il limite massimo del contributo dello Stato alle spese derivanti dalla realizzazione delle tratte.

400 milioni per Cortina Milano 2026 – A garanzia dell’attuazione del piano generale dei lavori per i Giochi Olimpici e Paralimpici di Cortina Milano 2026, il testo bollato della manovra prevede un’autorizzazione alla spesa di 400 milioni di euro, di cui 120 milioni per il 2024, 140 milioni per il 2025 e 140 milioni per il 2026.

You might also like