Migranti, sul timone di una petroliera per 11 giorni nell’oceano

0

I tre migranti, trovati a bordo della petroliera nel porto di Las Palmas, presentavano sintomi di disidratazione e ipotermia e sono stati portati negli ospedali dell’isola per cure mediche. Ma dopo qualche giorno di viaggio nascosti nel timone del mercantile, dovranno lasciare l’isola non appena saranno dimessi dai medici: lo ha riferito la delegazione del governo spagnolo alle Canarie.

Lo riferisce l’agenzia di stampa spagnola ef, in termini giuridici, i tre sopravvissuti non sono considerati migranti come quelli che arrivano su barconi, ma “passeggeri clandestini” di una nave; quindi, dopo essere stato assistito per “moderata disidratazione”, l’intero gruppo dovrà rientrare “al porto di provenienza”, che dovrebbe essere Lagos, in Nigeria, senza possibilità di permanenza in territorio spagnolo ea spese dello spedizioniere corrispondente.

Secondo le informazioni disponibili, la traversata della nave su cui si nascondevano, il mercantile Alithini II, durò 11 giorni. “Il rischio è massimo, lo spazio in cui hanno viaggiato non è adatto alla presenza di una persona”, spiega Sofía Hernández, capo del Centro di coordinamento del soccorso marittimo di Las Palmas. “Disidratazione, un’onda, ipotermia… Ci sono molti rischi”.

Poche informazioni sono trapelate sui tre protagonisti del pericoloso viaggio: secondo la delegazione governativa spagnola si tratta di adulti con nazionalità nigeriana. Il sitoweb Traffico marittimo lo ha ricostruito la nave battente bandiera maltese è partita da Lagos, in Nigeria, il 17 novembre ed è arrivata a Las Palmas il 28 novembre.

precedente – Non è la prima volta che sul timone vengono trovati clandestini. L’agenzia ef ricorda che i migranti sono riusciti a raggiungere le Isole Canarie con questa pericolosa modalità di viaggio in almeno altri due casi in passato. Nel 2021, un ragazzo nigeriano di 14 anni è stato intervistato dal quotidiano spagnolo El País dopo essere sopravvissuto al timone di una nave per due settimane. Anche lui aveva lasciato Lagos.

You might also like