Muhammad-Ali Abdur-Rahkman (Pesaro) MVP dell’ottava giornata (video)

0

Sempre più protagonista, sempre più a suo agio nel trovare il canestro, sempre più amato dai tifosi di casa. Muhammad-Ali Abdur-Rahkman (Carpegna Prosciutto Pesaro) vince e convince lasciando un segno indelebile nel gioco, aggiudicandosi per la seconda settimana consecutiva il premio di Miglior Giocatore; nella votazione ha superato Nazareth Mitrou-Long (EA7 Emporio Armani Milano) e Julyan Stone (Givova Scafati).

“Vola come una farfalla, pungi come un’ape”, ha detto Cassius Clay, nato a Muhammad Ali, uno dei pugili più forti della storia. La guardia americana non solo sembra essere l’omonima del grande pugile, ma rispecchia perfettamente anche questa celebre citazione: aggraziata nei movimenti sul parquet e improvvisamente trasformata in una macchina da gol che non lascia scampo agli avversari. Da ringraziare è sicuramente coach Jasmin Repesa che trova un roster composto da giocatori disposti a seguirlo e pronti a dare tutto per ottenere la vittoria; tra questi il ​​numero 5 finora una delle migliori rivelazioni, uno dei migliori esordienti e uno dei migliori giocatori della squadra pesarese. La ciliegina sulla torta della vittoria contro il Banco di Sardegna Sassari è arrivata con una prestazione di predominio offensivo con pochi eguali: nei 33 minuti trascorsi sul parquet, Abdur-Rahkman ha segnato 27 punti – record della sua carriera qui in Italia – in una clinica offensivo da 10/14 dal campo, con 6/8 dalla media distanza e un convincente 4/6 da oltre l’arco. L’arma a lungo raggio sta iniziando a diventare una preoccupazione per i suoi avversari, poiché il nativo di Allentown tira al 56,3%, una cifra mostruosa considerando le quattro triple che tenta a partita. Per una volta non si è vista la solita fatica da entrambi i lati del campo e infatti solo 3 rimbalzi sono stati raccolti da Muhammad-Ali a cui sono seguiti solo 1 assist e solo 1 recupero; questo però non è stato un motivo di egoismo, ma una richiesta da parte del ct di concentrarsi solo sull’ultima fase dell’azione che ha portato la Carpegna Prosciutto Pesaro alla sua seconda vittoria consecutiva.

Classe 1994, è un giocatore sempre a disposizione della squadra e il cui obiettivo comune è raggiungere la migliore posizione possibile da qui alla fine del campionato. Il suo non individualismo ha dato molti vantaggi a Pesaro: attualmente è quinto in classifica con un record di 5-3, grazie anche alle vittorie in tre delle ultime quattro gare. La convivenza in campo con i compagni sembra essersi sviluppata in modo naturale come se il gruppo giocasse insieme da anni; c’è invece la mano sapiente di coach Jasmin Repesa, serio ed esigente ma capace di immedesimarsi subito in chi gli permette di lavorare nel migliore dei modi. Muhammad-Ali Abdur-Rahkman riceve molte indicazioni dall’allenatore su come muoversi e come utilizzare le sue qualità nei minuti che gli vengono assegnati; questo ha permesso alla guardia americana di ritrovare fiducia nel suo tiro, ma anche di avere la palla in mano per mettere in ritmo i vari Moretti, Visconti, Cheatham, e aiutare anche i pezzi grossi Kravic e Charalampopoulos in area tinteggiata. Una partita energivora che non sembra aver fermato la produttività di Abdur-Rahkman, né placato il suo istinto omicida, nonostante la difesa stia cercando di limitarlo in questi giorni, avendolo più o meno conosciuto in campo.

Capocannoniere del campionato con 19,9 punti a partita (a pari merito con Frank Bartley della Pallacanestro Trieste), migliore in media voto con 22,5, secondo in percentuale al tiro da tre con il 56,3% (dietro solo a Nazareth Mitrou-Long, leader con il 60%) e in i primi cinque per il tasso di tiro del 60,2%, questi numeri sono una testimonianza di quanto sia influente Muhammad-Ali nel nostro campionato. Nella gara contro il Banco di Sardegna, Sassari ha superato i 20 punti per la quinta volta in questa stagione: per la precisione, i 27 punti segnati sono la sua migliore prestazione in carriera da quando ha vestito la maglia del Carpegna Prosciutto dopo averne realizzati 21 contro Trieste, 20 contro Napoli, 22 contro il Brescia e 23 lo scorso fine settimana contro il Brindisi. A rendere ancora più incredibile la prestazione di questo esordiente sono sicuramente le percentuali con cui si tira: oltre al già citato 60,2% dal campo, abbiamo un ottimo 62,1% nel tiro da due e il 56,3% da tre, ultimo frutto di 18/32 con una media di 2,3 tiri su 4,0 tentativi; fatica un po’ sui liberi e non riesce comunque a raggiungere il 75% a causa degli otto falli finora commessi (23/31 in stagione), percentuale destinata a salire e comunque poco compromettente sui risultati di Il gruppo. Infine la valutazione di cui è leader pressoché indiscusso che ha staccato di oltre 2 punti il ​​suo inseguitore JaCorey Williams (GeVi Napoli). Nelle partite in cui segna almeno 20 punti, fa registrare un punteggio simile: 27 nella vittoria di Trieste, 20 nella gara da 20 punti contro il Napoli, 28 nella vittoria esterna di Brescia, 34 – record stagionale – nella vittoria a Brindisi e 27 nello scorso fine settimana.

You might also like