Queste 20 lire del 1982 valgono ben €100.000: ecco quali

0

Il 20 lire del 1982 sono quelle conosciute come Lire Quercia. Sono state coniate dal 1956 al 1999 e sono molto interessanti rispetto ad altre monete comuni. Questo perché durante gli anni di conio hanno subito diverse modifiche che ne hanno accresciuto la particolarità e di conseguenza il valore. Analizziamone alcuni e scopriamo quanto valgono.

Quercia da 20 lire

Sul dritto della moneta troviamo subito ciò che le ha dato il nome; è stato trovato un ramoscello di quercia con 4 foglie e una ghianda. In questa prima edizione prodotta fino al 1959 si presenta come molto fragile, mentre in alcune varianti successive gli è stato dato corpo e spessore. Accanto al ramo ci sono: sul lato destro il valore nominale della moneta con l’iscrizione L 20sotto la lettera R raffigurante la Zecca di Roma e dalla parte opposta, a destra della ghianda, il millesimo di battitura.

D’altra parte, invece, sul retro del sample troviamo il classico testa di donna ornata di orecchie. E’ raffigurato guardando a sinistra e intorno alla testa, quasi a cornice, vi è l’iscrizione “REPUBBLICA ITALIANA” tranne che al centro, dove la scritta “Giampaolo“, cioè l’autore.

Tuttavia, come dicevamo prima, negli anni successivi ce ne furono diversi variantiper esempio, alcuni hanno una lettera P sotto il millesimo del pestaggio. In tal caso rappresenta la lettera iniziale della parola “personale“. Infatti, dopo poco tempo, tutte le lire del 1956 furono misteriosamente ritirate dalla circolazione; le pochissime copie superstiti erano per il personale della Zecca per cui era stato realizzato un’incisione speciale. Altre variazioni sono nel carattere dei numeri, che sono cambiati dal 1957, o nella sceneggiatura processiper la moneta del 1968.

Il valore

Come puoi immaginare, molti di questi esemplari valgono la pena una fortuna che tocca anche me 2000 €. Un po’ più lungimirante, invece, è chi ha deciso di rivendere eBay. com un esemplare del 1982 per la modica cifra di 100 mila euro. In questo caso si tratta di una copia con il carattere di numeri stretti e ramo, senza la famosa lettera P. Il prezzo potrebbe quindi essere attribuito, come in molti di questi casi, a un errore di valuta che qui sembra essere un aumento eccessivo del telaio della moneta.


You might also like