STMicroelectronics, ad Agrate sfornato il primo lotto di wafer da 300 mm

0

“UN passo fondamentale superato dallo slancio! Non solo il primo lotto di #cialde ha lasciato lo stabilimento di #Agrate300 prima del tempo, ma sì, lo è certificati ai migliori livelli qualitativi realizzabile nelle fasi di produzione in volume. Complimenti al team internazionale che ha lavorato sotto pressione come mai prima d’ora considerando tutto quello che è successo nel mondo e nel mondo dei #semiconduttori negli ultimi 3 anni.”

Queste le parole apparse sul profilo LinkedIn di STMicroelectronics, azienda italo-francese leader nel mondo dei semiconduttori, attiva in Italia ad Agrate, Aosta, Castelletto, Catania, Colleoni, Marcianise, Napoli, Palermo, Torino, Pavia e Pisa . Ed è proprio alla pianta di Agrate che fa riferimento il messaggio.

Laggiù fabbrica R3 per la produzione di wafer del diametro di 300 mm è importante, non solo per aumentare la capacità produttiva della stessa STMicroelectronics, ma anche per la Israeli Tower Semiconductor – che viene acquisita da Intel per 5,4 miliardi di dollari – con la quale è stata instaurata una partnership firmato per l’utilizzo dell’impianto.

In attesa di un comunicato stampa ufficiale, è bene ricordare che ST è in piena espansione. A luglio è stato annunciato un nuovo impianto di produzione congiunto con GlobalFoundries in Francia, progettato per produrre semiconduttori su wafer di silicio da 300 mm.

A marzo la Bei, la Banca europea per gli investimenti, aveva concesso alla società un prestito di 600 milioni di euro per ricerca e sviluppo (R&S) in “tecnologie e componenti innovativi” e “in linee di produzione pilota per semiconduttori avanzati”. Gli investimenti riguarderanno le strutture in Italia (Agrate e Catania) e Francia (Crolles).

ST sta trasformando la sua base produttivaha dichiarato Jean-Marc Chery, presidente e amministratore delegato di STMicroelectronics, a margine dell’accordo con GlobalFoundries.“Continuiamo a investire nel nostro nuovo impianto di wafer di silicio da 300 mm ad Agrate (vicino a Milano), che aprirà nella prima metà del e con piena saturazione prevista entro la fine del 2025, così come nella nostra produzione a base di carburo di silicio (ne abbiamo parlato qui, ndr) e di nitruro di gallio e verticalmente integrata”.

You might also like