Von der Leyen: “120mila morti ucraine”. Poi l’Ue sostituisce il video: “Stime inesatte”. Mosca: “Nel 2023 potenzieremo le infrastrutture per le armi atomiche” – La diretta

0

Kadyrov: ‘Papa Francesco vittima della propaganda’

Papa Francesco “è stato vittima della propaganda”. Così ha reagito il leader ceceno Ramzan Kadyrov alle dichiarazioni del papa che aveva pronunciato in un’intervista alla rivista dei gesuiti ‘America’ su particolari atrocità in Ucraina da parte di soldati ceceni e buriati. “Tutti sono profondamente religiosi” tra i combattenti ceceni, scrive Kadyrov su Telegram, “e ogni combattente sa che in tempo di guerra non bisogna dimenticare l’onore, la dignità e persino il rispetto per il nemico”. “E’ vergognoso – conclude – che una personalità religiosa famosa in tutto il mondo non conosca l’atteggiamento dei musulmani nei confronti del nemico”.

Mosca: “Nel 2023 rafforzeremo le infrastrutture per le armi nucleari”

Il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu ha affermato che entro il 2023 la Russia si concentrerà sulle infrastrutture per le armi nucleari, comprese le strutture per ospitare nuovi sistemi missilistici. “Nel preparare l’elenco delle principali strutture di costruzione per il 2023, verrà prestata particolare attenzione alle costruzioni nell’interesse delle armi nucleari strategiche”, ha detto Shoigu in una riunione del consiglio del ministero, ha riferito l’agenzia di stampa Ria Novosti.

Raid russo all’ospedale di Sumy: ‘Adolescente ucciso’

“Questa mattina i russi hanno bombardato l’ospedale di Bilopija (nella regione di Sumy ndr). È morto un adolescente”. Lo ha riferito via Telegram il vice capo dell’ufficio ucraino, Kyrylo Timoschenko. attacchi di mortaio nella regione di Sumy”

Portavoce Ue: “120mila ucraini morti? Abbiamo sbagliato le stime”

Centomila vittime militari e ventimila civili: le due cifre fornite dalla presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen nel video che annunciava l’inizio del viaggio per arrivare a un tribunale speciale sono state successivamente rimosse dalla clip. Una correzione, in realtà, come ha spiegato in un tweet la portavoce di von der Leyen, Dana Spinant. “Grazie a coloro che hanno sottolineato l’inesattezza dei numeri in una versione precedente di questo video. La stima utilizzata, presa da fonti esterne, si riferirebbe alle vittime, cioè sia morti che feriti, e intendeva mostrare la brutalità della Russia”, ha scritto Spinant.

Jet giapponesi e coreani durante i pattugliamenti tra Russia e Cina

La Corea del Sud e il Giappone stanno schierando i loro aerei da combattimento militari per contrastare il rilevamento di combattenti di guerra cinesi e russi vicino ai rispettivi spazi aerei. L’esercito di Seoul ha riferito che due bombardieri cinesi H-6 hanno ripetutamente fatto irruzione nella zona di difesa aerea della Corea del Sud al largo delle coste sud e nord-est a partire dalle 5:50 ora locale. Sono rientrati nell’area dal Mar del Giappone ore dopo, accompagnati da sei caccia russi, tra cui bombardieri TU-95 e caccia SU-35. Il ministero della Difesa di Tokyo ha riferito di due bombardieri cinesi e due sospetti aerei russi in azione sul Mar del Giappone.

Gli aerei stranieri hanno seguito i jet russi e cinesi durante una parte delle esercitazioni

“Aerei stranieri hanno seguito per una certa distanza” i bombardieri strategici russi e cinesi che questa mattina hanno condotto pattugliamenti congiunti sul Mar del Giappone e sul Mar Cinese Orientale. Lo afferma il ministero della Difesa di Mosca, aggiungendo che gli aerei russi e cinesi non hanno commesso “alcuna violazione dello spazio aereo di Paesi terzi”. Secondo il comando militare sudcoreano, citato dall’agenzia di stampa russa Tass, i bombardieri russi e cinesi sono entrati nell’area di identificazione della difesa aerea di Seoul senza preavviso.

Le truppe russe fanno irruzione nel museo d’arte regionale di Kherson con proiettili

Al mattino, le truppe russe hanno crivellato di proiettili il Museo d’arte regionale di Kherson, ha dichiarato il vicepresidente del Consiglio regionale Yuriy Sobolevskyi, citato da Ukrinform. “Questa mattina il Museo d’arte regionale di Kherson Oleksiy Shovkunenko è stato colpito. L’edificio è danneggiato: le finestre sono rotte, i muri sono crivellati”, ha detto. In precedenza, i reperti più preziosi erano stati rubati dai musei della città dell’Ucraina meridionale – hanno rivelato gli amministratori regionali. In particolare, circa l’80% della collezione è stata rubata dal museo d’arte.

Combattenti russi e cinesi sono entrati nella zona di difesa aerea della Corea del Sud

Il Forze armate sudcoreane hanno annunciato di aver scacciato un certo numero di cacciatori dopo essere entrati nell’area di contraerea del paese di due combattenti cinesi E sei russa. Gli H-6 cinesi sono ripetutamente entrati ed usciti dalla zona di difesa aerea e di identificazione al largo delle coste sud e nord-est intorno alle 5:50 ora locale di questa mattina, ha detto il Joint Chiefs of Staff della Corea del Sud. Sono poi rientrati in zona dal Mar del Giappone poche ore dopo, accompagnati da caccia russi, Tu-95 e Su-35. L’aereo non hanno violato Spazio aereo sudcoreano, è stato specificato.

You might also like