Zaniolo-Milan, vicolo cieco: continua il braccio di ferro con la Roma – Forzaroma.info – Ultime notizie As Roma calcio – Interviste, foto e video

0

A Trigoria continuano a dire no al prestito con obbligo condizionale per la qualificazione alla Champions League

La strategia di Zaniolo è finalmente chiaro. Tenta il tutto compreso in Italia con una manovra che non soddisfa solo esigenze economiche Roma ma anche la pressione mediatica che un club come il Milano inevitabili esercizi per il bersaglio. Lo stallo, scrive Stefano Carina Il Messaggeroregna sovrano. A Trigoria continuano a dire no alla condizione della qualificazione alla Champions League, mentre a Milanello sono condizionati alla qualificazione per le prime 4. Chissà se lunedì o martedì le cose potrebbero cambiare. Quello che per il momento non è cambiato è la distanza tra i club, anche se in queste ore l’ex ds giallorosso, Massara, è pronto a aumentare la proposta a 23 milioni, compresi bonus e dilazioni di pagamento. Dieci, dodici milioni in meno di cosa Pinto intendeva fare soldi in questa sessione. La metà o forse più del verdetto che il gm portoghese ha dato quest’estate.

Venderlo in Italia a un diretto concorrente per il Campionia 23-25 ​​milioni, spalmati nel tempo, compresi i bonus e sapendo che il 15% di questo (3.45-3.75) vanno all’Intersarebbe un colpo basso per l’immagine della Roma e del tecnico lusitano. Quando Zaniolo ha perso e forse sostituito da Ziech molti fan non ci presterebbero più attenzione. Tuttavia, non sarebbe lo stesso per i conti del club. Attualmente Nicolò sta ancora guadagnando 2.2 milioni mentre il marocchino continua a viaggiare 6.5 che addirittura si dimezzano per il Decreto Crescita, devono comunque essere pagati al lordo per la parte che resta fino a giugno.

Non è un ripensamento, dal momento che anche Solbakken e Wijnaldum sono stati recentemente aggiunti alla lista UEFA. Trovare la quadra per Nicolò, per comprare il marocchino, dovrebbe vendere anche i licenziamenti. Dai è sparito, mancano Shomurodov E Karsdorp. Discorsi attualmente futuristici. Il piatto forte resta Zaniolo e il suo futuro. Che alla Roma, anche se dovesse restare, vede il campo in salita dalla sua prospettiva. Il 31 gennaio è quasi arrivato. Non resta che aspettare.

You might also like